The Ultimate collar & cuffs Fashion Vocabulary

Fashion Vocabulary Collars and Cuffs_def

Enérie questo mese vi porta alla scoperta dei diversi tipi di colletti e polsini delle camicie.

Ecco le definizioni in italiano:

COLLETTI:

CLASSIC: il collo per eccellenza, adatto ad ogni occasione, da portare con la cravatta, ma anche slacciato, con un outfit formale ma anche sotto al maglioncino.

BOTTON DOWN: chiamato anche Soft Roll Collar, presenta due bottoncini per fermare le punte. È un modello informale, usato soprattutto da chi ama l’abbigliamento casual/sportivo.

SPREAD: altrimenti detto collo alla Francese o aperto: è in assoluto il collo più utilizzato dagli europei. Presenta un taglio netto che accorcia e divarica le punte e può essere indossato sia con cravatta quanto senza.

CLUB: adatto nelle occasioni formali e non, il collo Club ha la particolarità di avere le punte arrotondate. Molto in voga negli anni ’20.

MANDARIN: il collo alla coreana è composto essenzialmente solo dal solino; usato in passato per tuniche e camicie da notte, poi per camicie adatte a smoking e frac, oggi invece per camicie di lino casual e sportive.

WING TIP: il collo ad alette, o collo tuxedo, è un must per gli sposi e un dettaglio indispensabile per le occasioni più formali insieme a tight, smoking o frac. È perfetto abbinato a farfallino.

 

POLSINI:

ONE BOTTON: il polsino diritto con un solo bottone è adatto alle camicie più casual e sportive.

TWO BOTTONS: il polsino con due bottoni è più elegante rispetto a quello con un unico bottone. È ottimo per le occasioni più formali.

ROUNDED: un tipo di polsino informale, ideale per vestire in modo casual. Si abbina alla perfezione con colletti di tutti i tipi, e normalmente si porta con un solo bottone.

ANGLE CUT: il polsino smussato contraddistingue una camicia versatile ed è spesso abbinato ad un collo classico.

FRENCH: il polsino alla francese è il più formale ed è anche detto polsino doppio. Deve essere ripiegato in modo tale da far coincidere le asole per allacciare i gemelli.

NEAPOLITAN: il polsino napoletano è un compromesso tra il polsino a due bottoni e il polsino francese. Spesso l’interno della piega è di colore diverso dal resto del polsino.

Vocabulary realizzato da Alice Luna Zanel, ricercatrice di Enérie e Fashion Designer.

Volete suggerirci qualche altro modello? Scrivete a enerie@fractals.it e potrete diventare cool hunters per noi!

Annunci

Paris Fashion Week F/W 2013-14

paris tagcloud

Eccoci all’ultimo appuntamento con l’analisi delle Fashion Weeks F/W 2013-14.
L’ Oversize n0n è una novità negli armadi parigini (pensiamo ai capispalla Chanel monotaglia degli anni ’20): per questo la capitale francese lo sdrammatizza divertendosi: Carven propone un look pastello da “bambina che indossa gli abiti della madre”, Balmain propone volumi orientaleggianti, Stella McCartney esagera con le dimensioni dei revers.

Il vero main trend della capitale francese è il geometrico, in versione pattern come da Kenzo e Haider Ackermann o righe come da Chloé o Issey Miyake.

geometric

Osservando la classifica dei fashion show di cui si è più parlato su Facebook, notiamo che la pagina che ha registrato il maggior incremento di fan è quella di Louis Vuitton, seguita da Chanel e Dior. Quest’ultimo è invece il leader per quanto riguarda il buzz generato attorno al brand durante il giorno della sfilata: il fashion show di Dior ha avuto come protagonisti abiti bianco-neri con abbondante uso di pattern geometrici ed effetti grafici.

paris fans increase

Su Twitter è invece Givenchy il primo per numero di tweet durante il fashion show. La sfilata è stata un tripudio di fiori e stampe speculari: Twitter si riconferma il social network che premia l’innovazione ed i trends emergenti rispetto a Facebook, più attento nell’osservazione dei brand più importanti di sempre.

paris twitter

Con Parigi si chiude la nostra carrellata di analisi sulle Fashion Week F/W 2013-14.

In attesa di settembre, è possibile acquistare il report completo di tutte le sfilate: schede sui singoli fashion show in ordine alfabetico con insight dettagliati su palette colori, modelli, patterns e buzz generato intorno a ciascun brand nel giorno della sfilata e durante l’intera settimana della moda.

Ogni report contiene un’appendice con i trend emergenti dall’osservazione globale dei fashion show suddivisi per capitale.

Per informazioni e per commissionare l’acquisto dei nostri report scrivi ad enerie@fractals.it
Scopri tutto quello che possiamo fare per te su www.fractals.it

Milano Fashion Week F/W 2013-14

tagcloud mi

L’analisi di Fractals sulle Fashion Week F/W 2013-14 continua con la città numero 3: Milano.
La capitale italiana della moda vede una presenza consistente di Oversize; tuttavia  le forme ampie e comode non appartengono ai catwalk più cool secondo la nostra “Social top ten”. Solo due grandi nomi l’hanno proposto:   Max Mara ed Emporio Armani.

Il geometrico a Milano è presente soprattutto nel classico Tartan inglese (visto da MoschinoGucci e Versace).

Contrariamente a quanto visto nelle altre passerelle, a Milano rimane importante la componente glamour: un evergreen tutto italiano che esalta la silhouette femminile con tessuti aderenti e brillanti (Sparkling).
Il Color Ombre, nonostante sia un trend prettamente estivo, continua il suo momento d’oro, e viene interpretato anche da alcuni stilisti della nostra “Social top 10”:  Emporio Armani, Giorgio Armani e Just Cavalli.

colorombreSe osserviamo la classifica dei fashion show più chiacchierati su Facebook, sia per quanto riguarda il Talking About che la crescita dei fans, le prime quattro posizioni sono occupate in entrambi i casi da: Gucci, Dolce&Gabbana e le due linee di Armani.

fb

Mentre il popolo di Facebook sembra consacrare lo stile italiano per eccellenza, Twitter premia invece gli stilisti più innovativi e trasgressivi: predominano PradaVersace e Fendi.

tw

L’appuntamento è per mercoledì prossimo con Parigi, che chiuderà il ciclo delle nostre analisi sulle fashion weeks di Febbraio.

Scrivi ad enerie@fractals.it per acquistare il report completo della Milano Fashion Week o per commissionare un’analisi specifica per il tuo business! Scopri tutto quello che possiamo fare per te su www.fractals.it

London Fashion Week F/W 2013-14


tagcloud london
Questa settimana analizziamo i dati della London Fashion Week F/W 2013-14.

Dopo il total black di New York, Londra ci catapulta nel colore: dai toni accesi a quelli pastello su silhouette di stampo decisamente romantico e “primaverile”.

Il tag principale è GEOMETRIC, che a Londra arriva a sconfinare nell’animalier, protagonista della scorsa stagione: zebrati e leopardati vengono ripresi in forme stilizzate.

Notiamo anche qui la presenza dell’OVERSIZE soprattutto nelle pellicce e nei cappotti, ma con minor volume sulle spalle rispetto a New York.

ROMANTIC è il termine che più differenzia Londra dalla Fashion Week di New York, dove il tag era addirittura totalmente assente: abiti e colori pastello, minimali o finemente ricamati e ricoperti di fiori stampati o texturizzati.

A seguire, URBAN, a sottolineare come Londra rimanga una passerella più giovane e dinamica: da notare la piccola dimensione del tag ELEGANT, rilevato solo in 7 dei 54 show osservati.

Analizziamo ora la nostra “pagella” dei brand più chiacchierati e amati durante la fashion week: le sfilate più apprezzate dal popolo di Facebook risultano: Tom Ford, Burberry Prorsum, Topshop UniqueVivienne Westwood Red Label e Mulberry sia per quanto riguarda l’aumento di fans durante la settimana della moda sia per il talking about generato intorno al brand il giorno della sfilata.

facebook london

Su Twitter, dove il target principale è 18-25, vince Topshop Unique, confermando l’importanza del fast fashion retailer nell’arena degli stilisti tout court. Se nel 2005 aveva fatto storcere il naso ai più, oggi è una presenza consolidata ed apprezzata dall’intero fashion business, e supera di gran lunga come eco “social” i brand fondati dai suoi ex pupilli Matthew Williamson, Christopher Kane e Marios Schwab. Topshop è ad oggi il brand più influente nei social networks, con più di un milione di fans anche su Google Plus. Durante la sfilata in live streaming ha permesso agli utenti di scattare le proprie foto del catwalk, aumentando quindi la diffusione spontanea dei contenuti.

twitter londonIl trend emergente più interessante è il recupero in chiave geometrica del trend Mirrored nato nell’estivo 2011. Dopo due stagioni di quasi assenza eccolo ritornare con echi robotici, sci-fi e manga.

mirrored london trend

Quali brand saranno i protagonisti di  Milano e Parigi? Seguiteci per scoprire nelle prossime settimane tutti i trend emergenti della Fashion Week F/W 2013-14! 

Scrivi ad enerie@fractals.it per acquistare il report completo della London Fashion Week o per commissionare un’analisi specifica per il tuo business! Scopri tutto quello che possiamo fare per te su www.fractals.it

New York Fashion Week F/W 2013-14


wordle
In anteprima alcune delle riflessioni emerse dall’analisi delle 161 sfilate della Fashion Week di New York.

Oltre al tag URBAN, che da sempre contraddistingue la settimana americana (anche quest’anno il più rilevante, presente in ben 91 sfilate), emergono 4 concept che rappresentano ognuno una macrotendenza per il prossimo Autunno/Inverno:

Geometric: ha preso forza con l’estivo e prosegue nell’invernale in versione maxi, quasi un’evoluzione del color block. Forme squadrate, maxi patterns, righe.
Oversize: capispalla e maglieria andranno portati di tre taglie più larghi, con particolare attenzione al volume sulle spalle.
Elegant: aleggia uno spirito soirée sulla gran parte delle collezioni proposte. Il trend refining prosegue la sua corsa nel proporci un abbigliamento distinto che ci accompagni per tutta la giornata.
Minimal: pochi tagli, forme sempici. Il minimalismo vince sull’opulenza e sul bling-bling tipico newyorkese.

Quali sono state le sfilate migliori della New York Fashion Week 2013? Considerato l’eco social di ciascun défilé i brand più apprezzati dal popolo di Facebook risultano Michael Kors, Ralph Lauren, Tommy Hifliger, Lacoste e Marc Jacobs  sia per quanto riguarda l’aumento di fans durante la settimana della moda sia per il talking about generato intorno al brand il giorno della sfilata.

facebookOltre al pantheon dei classici, tra le new entry da non perdere emerge (via Twitter) la chiacchieratissima Victoria Beckham, probabilmente più per il  personaggio gossip-centrico che per la bontà della collezione: al livello del  buzz generato durante il suo Fashion Show non è infatti corrisposta una crescita dei fans di portata analoga. Sapremo dirvi di più monitorandone le vendite a partire da Settembre.twitter

Per quanto riguarda i trend emergenti, uno degli elementi più significativi è rappresentato dall’influenza russa, con ispirazioni presentate da nove stilisti ed associate al concept dell’eleganza: dalla matrioska alla donna gendarme, con palette colori in cui il rosso vermiglio è il colore trainante.

russiBLOGQuali brand saranno i protagonisti di Londra, Milano e Parigi? Seguiteci per scoprire nelle prossime settimane tutti i trend emergenti della Fashion Week 2013! 

Scrivi ad enerie@fractals.it per acquistare il report completo della New York Fashion Week o per commissionare un’analisi specifica per il tuo business! Scopri tutto quello che possiamo fare per te su www.fractals.it