The ultimate Hats Vocabulary

The Ultimate Hats Fashion Vocabulary

Questo mese vi portiamo alla scoperta dei termini tecnici dei copricapi maschili e femminili più famosi.

BOATER: conosciuta anche come “paglietta”, è un tipico cappello di paglia dalla cupola piatta e dritta circondata da un nastro colorato e dalla falda corta e circolare. Nato tra l’800 e il ‘900 è tipico della moda maschile estiva.

BASEBALL: cappello casual con ampia visiera curva o piatta e cupola rotonda, solitamente in tela. Spesso presenta sul davanti il logo della squadra sportiva o del brand.

BAWLER: detto anche “bombetta”, è un cappello di feltro rigido e bombato, solitamente nero. Reso popolare dal comico Charlie Chaplin, vide la sua massima diffusione tra la fine dell’800 e primi due decenni del ‘900.

COCKTAIL: è un piccolo cappello da giorno femminile usato per le occasioni ufficiali in sostituzione del cappello a tesa larga. Di solito di forma circolare o troncoconica presenta nelle versioni più fantasiose piume, velette e fiocchi.

FASCINATOR: è una via di mezzo tra un cappellino ed un cerchietto per capelli. Indossato per primo dalle lady inglesi è diventato il copricapo bon ton più alla moda per le occasioni ufficiali. Molto estroso presenta spesso decori come fiori, piume e velette.

HOMBURH: cappello formale da uomo, in feltro nero o grigio; caratterizzato da un incavo che corre centrale lungo la lunghezza. Ha falde mediamente larghe e una fascia di tessuto intorno alla cupola.

PILLBOX: cappello femminile in tessuto rigido dalla forma circolare e piatto sulla sommità. Nato come copricapo fiammingo nel Medioevo fu reso celebre da Jacqueline Kennedy negli anni ’60.

BEANIE: cuffia invernale solitamente in maglia che veste aderente alla testa e che può avere l’estremità inferiore risvoltata.

BUCKET: cappello maschile in stoffa o tessuto impermeabilizzato spesso associato alla pesca. La cupola ha forma tronco conica e l’ala è stretta e rivolta verso il basso.

COWBOY: cappello associato all’abbigliamento del cowboy dell’ovest e sud degli Stati Uniti, spesso presente nell’abbigliamento country. Ha la cupola incavata al centro e spesso la ampia falda è ricurva ai lati.

FEDORA: conosciuto anche come “borsalino”, è un cappello in feltro incavato nella sua lunghezza e con la falda di media larghezza. La cupola è a tronco di cono con due pizzicotti sui lati sul davanti ed è circondata da un nastro di colore contrastante.

NEWSBOY: cappello casual nato in nord America alla fine dell’800; ha una visiera rigida e una cupola morbida e tondeggiante con un bottone in cima, spesso fissata alla visiera sul davanti.

TRAPPER: di origine russa, è un cappello invernale in tessuto foderato di pelliccia, con lunghe falde laterali per mantenere al caldo testa ed orecchie.

BERET: detto anche “basco” è un copricapo solitamente di panno, sprovvisto di falde e visiera. Spesso associato all’abbigliamento militare si è diffuso con successo anche come accessorio femminile.

CLOCHE: un cappello femminile che ha forma di campana, come indica il termine francese “cloche” da cui prende il nome. Generalmente in feltro è associato alla moda degli anni ’20 e ‘30, momento della sua massima diffusione.

DEERSTALKER: il cappello da “investigatore”, reso famoso dal personaggio di Sherlok Holmes. È diffuso nelle aree rurali dell’Inghilterra come copricapo da caccia. Normalmente realizzato in lana, ha le falde laterali rialzate legate sulla sommità della cupola e due corte visiere sul davanti e sul dietro.

PANAMA: cappello maschile color avorio solitamente fabbricato con fibre di palma nana intrecciate. Originario dell’Ecuador, ha la calotta incavata circondata da una fascia in tessuto scuro e la tesa piuttosto larga.

VISOR: derivante dal cappello da baseball, ha una visiera sporgente e ricurva e una cupola priva della parte superiore. Spesso sul retro ha un elastico o del feltro per adattarne la misura alla testa. Cappello tipicamente estivo è spesso associato allo sport del tennis.

Vocabulary realizzato da Alice Luna Zanel, ricercatrice di Enérie e Fashion Designer.

Volete suggerirci qualche altro cappello? Scrivete a enerie@fractals.it e potrete diventare cool hunters per noi!

3 thoughts on “The ultimate Hats Vocabulary

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...