Valentine’s day Social Trends

Valentines Day2014

Questo mese abbiamo voluto studiare come lo stesso evento su differenti piattaforme social sia recepito in maniera completamente diversa.

Abbiamo analizzato quasi 5000 pins su Pinterest appartenenti a bacheche dedicate a San Valentino, 3000 twit su Twitter riguardanti il tema ed effettuato una ricerca internamente a Youtube sui video più visti il 14 febbraio 2014.

Come potete notare nell’infografica, il “termometro” dell’emozione legata alla festività cambia drasticamente: su Pinterest, le bacheche dedicate al tema sono votate al Do it Yourself (fai da te), in particolare all’arte della tavola e alle decorazioni, seguite dalle ricette a tema, bigliettini d’auguri e solo in ultima posizione, regali. Il regalo per i Pinterest addict dunque tendenzialmente si acquista, ma si cena tra le mura domestiche decorate ad hoc. Pinterest resta il social network in cui la festa viene celebrata con maggior passione, dato probabilmente legato al fatto che è anche la piattaforma in cui vi sono più donne in assoluto (più dell’80% secondo le ultime statistiche ufficiali).

Youtube nei giorni precedenti la festività aveva in pole position video di tutorial per hair, make-up e ricette, ma il panorama è cambiato il 14 febbraio: tre video divertenti e nonsense si sono posizionati in pole.
Il primo inscena una finta proposta di matrimonio interrotta dallo scippo dell’anello, il secondo una cena romantica in cui la donna litiga con l’uomo fino alla rottura, e la terza fa parte del tormentone “Dumb Ways To Die” declinato Valentine’s day, in cui uno dei due personaggi dona all’altro letteralmente il proprio cuore. Da segnalare l’italianità del secondo video che però ha fatto il giro del mondo, e la durata di “Dumb Ways to Valentine”, inferiore ai 30 secondi, che segue la tendenza degli short-video, nata dall’evidenza che il 40% degli utenti di Youtube non termina la visione di un video se superiore ai 2 minuti.

Twitter è il social network in cui la festività viene denigrata nel 32% dei post dedicati. Twitter è da sempre il social network più dinamico data la sua natura “real-time”, e possiamo quindi già notare come la tendenza degli Haters sia già diffusa su questo social network. Gli Haters odiano tutto ciò che fa parte dell’establishment: è un sentimento simile alla gelosia, tuttavia non desiderano affatto adottare il comportamento che deprecano, ma smontare i sostenitori o costringerli a vedere le cose in maniera più cinica (che per un hater corrisponde al realismo). E’ una tendenza che sta lentamente diventando mainstream anche nel nostro paese, basti pensare a fenomeni come il Deboscio o il Milanese Imbruttito.

Insomma, “Hate is the new Love”.

Dati: http://goo.gl/xmp8P5

Hai osservato un fenomeno in ascesa e vuoi segnalarcelo? Utilizza il form apposito: potresti venir selezionato per diventare cool hunter di Enérie! 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...