Milan Fashion Week – SS13 TRENDS (3)

Altro trend delle sfilate milanesi, meno innovativo ma capillare e degno di segnalazione è quello della celebrazione della femminilità. Questa tendenza si è affermata con preponderanza nelle sfilate della SS 2010 quando Alberta Ferretti, Marras, Donna Karan, Mila Schon, John Rocha e molti altri improntarono le collezioni sui toni del rosa dal cipria al carne su silhouette drappeggiate stile vestale greca. La dea si è evoluta in versione Matrona Romana o spirito dei boschi, acquistando colore e dettagli più raffinati.

E’ un everlasting trend che non conoscerà mai picchi e che veleggia dagli anni 60 su una velocità di crociera: la femminilità non conosce stagioni.

Visto da: Emilio Pucci, Alberta Ferretti, Francesco Scognamiglio, Blumarine, Gianfranco Ferré, Gucci, Just Cavalli, Roberto Cavalli.

Annunci

Milan Fashion Week – SS13 TRENDS (2)

Geometric Fever è al picco della sua trend-life. Imposto già con forza nelle sfilate dell’inverno 2012-13, ricompare in primavera in una versione meno psichedelica ma più pulita. Il color blocking ed i tagli orizzontali la fanno da padrone, proponendoci forse l’ultimo guizzo del trend stripes che ormai è in fase mainstream da almeno 5 anni.

Su Instagram i numerosi tag composti da geometric + aggettivo ci fanno capire la penetrazione del trend in vari settori: geometric – living, art, nails, design, pattern, flower, jewelery, dress, shapes, obsession.
Su twitter ogni ora il trend viene nominato 49 volte, e tra i tag correlati compare #etsy: sul social retail più in voga il termine è citato su 89.286 beni in vendita.
Su Pinterest 79 boards hanno come titolo Geometric e contengono in media 48 pins ciascuna, con una percentuale di contenuto Fashion Design per oltre il 30%.

Visto da: Antonio Marras, Aquilano Raimondi, Dolce & Gabbana, Bottega Veneta, Bally, Emporio Armani, Etro, Fendi, Fausto Puglisi, Genny, Iceberg, Jil Sander, Marco de Vincenzo, Marni, Moschino, Max Mara, No. 21, Sportmax, Versus.

Milan Fashion Week – SS13 TRENDS (1)

Ecco a voi il primo megatrend milanese: il “colour ombre” ovvero lo sfumato, in una palette cromatica che predilige i toni del cielo dall’alba al tramonto.
Lo “sfumato” è un trend che teniamo d’occhio da Settembre 2011 come esportazione nell’abbigliamento delle nuove palette rese possibili dalle applicazioni di fotomanipolazione per cellulari, in particolare quelle che permettono di applicare filtri “seventies” che danno un tocco romantico alle troppo precise foto digitali.
Il buzz attorno al trend è in netta crescita: su Instagram (principessa delle app di ritocco) è il tag di 291.873 foto; su Twitter viene nominato 23 volte all’ora, su Pinterest ogni foto con questo tag ottiene in media 513 repins.
Altro fattore da considerare è l’ubiquity, o transversal coexistence: oltre che nella fotografia, il trend è presente anche nel design, nel food, nella nail art, nell’hairstyle…
In particolare nell’hairstyle si realizza nel fenomeno dell’Hair Chalking che abbiamo definito trend emergente nella nostra infografica di  Luglio.

Visto da: Antonio Marras, Blumarine, Gabriele Colangelo, Giorgio Armani, Prada, Emporio Armani, Bottega Veneta, Missoni, Maurizio Pecoraro.

Lookbook.nu si tinge di rosso in onore di Brave

Secondo le ultime statistiche enérie il 35% dei look femminili postati in Agosto su Lookbook.nu ritraggono ragazze con i capelli tinti di rosso fuoco. E’ un trend emerso in maniera preponderante negli ultimi 30 giorni: a fine luglio era il castano scuro a farla da padrone.
Nel 2012 la moda ha pescato molto da animazione e fantasy, in particolare quando la protagonista era una principessa-combattente (cfr Biancaneve e il Cacciatore): sarà dunque un trend legato all’uscita nelle sale di Brave, il nuovo capolavoro targato Pixar?
Noi di enérie continueremo a monitorarlo e vi terremo informati: to fade or to stay?